Il ministro Poletti si deve dimettere.
Le sue dichiarazioni offensive verso chi emigra dall’Italia mostrano una totale insensibilità verso la condizione di milioni di giovani e sono in contrasto con l’art. 54 della Costituzione che chiede di adempiere alle cariche pubbliche con disciplina ed onore. Il rispetto verso i cittadini è un dovere e il ministro è venuto meno ad esso, irridendo chi è costretto ad andarsene.
Non solo, Poletti ha firmato la peggiore riforma del governo Renzi, bocciata sonoramente dal NO sociale e dei giovani al referendum.
Speriamo che con lui se ne vada quanto prima il jobs act.

L’Altra Europa con Tsipras

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu