Nonostante il grado mai visto di campagna di odio senza precedenti, la campagna di propaganda finanziata con fondi pubblici, le minacce esplicite ed implicite, gli elettori ungheresi non hanno dato l’autorizzazione al governo spostato all’estrema destra di agire nel nostro paese e all’estero per conto della maggioranza per quanto riguarda le questioni dei rifugiati.

A causa della campagna referendaria unilaterale, falso e illegittimo, l’intero referendum commedia è antidemocratico, quindi i risultati sono considerati come manipolata. PM Viktor Orban è stata in grado di mettere insieme una maggioranza degli elettori ungheresi dietro i suoi odiosi politica di estrema destra che mettono in discussione la validità del diritto internazionale e dei diritti umani fondamentali.

Gli elettori hanno dato un chiaro segnale che non sono soddisfatti con il potere corrente e si aspettano dai rappresentanti eletti per risolvere i problemi reali e la crisi sociale. Tuttavia, la sinistra europea mette in guardia le persone impegnate allo spirito della Repubblica democratica che il fallimento del referendum del governo non significa una vittoria sulle forze di estrema destra.

Il regime dittatoriale corrente può essere rovesciato solo con un programma economico adatto per l’eliminazione della povertà e dei diritti democratici fondamentali possono essere protetti mobilitando i perdenti del sistema attuale.

Sulla base delle politiche di solidarietà, di tassazione più equo, così come il rispetto dei diritti umani e il rifiuto delle misure di austerità neoliberiste, la sinistra europea è pronta a lanciare una lotta comune contro l’estrema governo di destra che continua ad aumentare la povertà e l’oppressione.

Il referendum non valida avrà anche una conseguenza di diritto pubblico. Daremo un sacco per il governo al potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu