kossuth_ter_tuntetesL’8 ottobre 2016 l’assistenza di un magnate dei media austriaci il governo ungherese per azione putsch come chiudere la pubblicazione di Népszabadság, uno del giornale opposizione più-diffuso quotidiano.

Dopo una lunga campagna di odio, i partiti di governo sono stati spaventati dalla valida quota-referendum, il rafforzamento della voce di organizzazioni governative-critical e l’eco sociale dei crescenti scandali di corruzione. Stanno cercando di compensare la loro influenza politica in declino limitando i diritti democratici.

Dopo la chiusura di Népszabadság ulteriori restrizioni della libertà di parola sono attesi dalle procedure legali contro le organizzazioni di opposizione e della società civile e l’ostacolo del lavoro di stampa.

La maggioranza degli elettori ungheresi non ha sostenuto Viktor Orban`s anti-rifugiati campagna di odio e l’idea di solidarietà potrebbe finalmente potuto essere salvato. I sostenitori della libertà e della repubblica democratica, tuttavia, possono essere efficaci solo se sono liberi di esprimere la propria opinione e possono rendere il pubblico giustizia alla società.

Il Partito della Sinistra Europea condanna la politica anti-democratico e anti-sociale del governo ungherese e chiede dal Parlamento europeo il set-up di una commissione d’inchiesta. Per fermare il fascismo in Europa è possibile solo difendendo i diritti democratici e sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu