Il Vice-Presidente e responsabile delle relazioni internazionali del Partito della Sinistra Europea, Maite Mola, viaggiato questa Domenica a Cartagena de Indias, in Colombia, a partecipare come ospite nella storica firma dell’accordo di pace tra il governo di Juan Manuel Santos e le FARC-EP. Da lì ha espresso la speranza che nel referendum del 2 ottobre “il popolo colombiano sosterrà massicciamente questo accordo che è stato appena firmato con un chiaro ‘sì'”.

 

Questo accordo si concluderà 52 anni di guerra che ha lasciato più di 6.7 milioni di vittime. Per questo motivo, Maite Mola ha dichiarato che questo “accordo di pace è un imperativo per la società colombiana di progredire verso la solidarietà, la giustizia e l’uguaglianza, che rappresentano i valori massimi del dell’umanesimo di sinistra”.

 

Per il desiderio di stabilire una pace stabile e duratura, ha aderito la richiesta di attuazione degli accordi raggiunti, in modo da porre fine alla presenza degli eserciti paramilitari, il compimento degli accordi di garanzia di sicurezza e di reinserimento nella vita civile dei guerriglieri guerrilleras Y e dei programmi di sviluppo sociale ed economico conseguiti negli accordi per combattere le disuguaglianze in cui il paese vive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu