Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa – gruppo GUE/NGL, ha presentato un’interrogazione alla Commissione Europea in merito alla gestione della tragedia da parte della marina italiana dei soccorsi in mare del naufragio, a 60 miglia da Lampedusa, in cui l’11 ottobre 2013 morirono 268 siriani. «Tutte queste vite – si legge nel testo dell’interpellanza – molto probabilmente avrebbero potuto essere salvate se l’Italia non avesse “nascosto” la nave Libra P402 che sarebbe potuta intervenire in tempo utile».
«Così facendo – continua l’eurodeputata nell’interrogazione – l’Italia avrebbe violato l’obbligo di salvataggio di vite umane che è alla base di tutte le leggi nazionali ed internazionali della navigazione».
La parlamentare europea ha chiesto dunque alla Commissione Ue se non vi sono «responsabilità di negligenza da parte delle marine italiana e maltese» e «quali iniziative sono state intraprese per evitare che simili tragedie non avvengano più».

13 giugno 2017

Qui il testo integrale dell’interrogazioneForenza_migranti_12062017 con richiesta di risposta scritta alla Commissione – articolo 130 del regolamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu