Il voto del referendum costituzionale del 4 dicembre inciderà nel futuro del nostro paese. Noi abbiamo scelto, convintamente, il No per contrastare lo snaturamento dei fondamenti della democrazia: nei suoi assetti istituzionali, come nei suoi principi ideali.
E’ un No per la Costituzione, volto non a una difesa statica, ma a valorizzare la sua cultura giuridica e la sua visione della convivenza sociale; ed impegnarci ad attuarla compiutamente.
Non un riflesso di retroguardia, dunque, ma uno slancio, una tensione che si propongano di aiutare il paese a diventare più e non meno democratico, più giusto e non così diseguale, più generoso e accogliente e non angusto ed egoista, più rispettoso delle differenze e delle autonomie e non autocratico e prepotente. Dove la politica non sia subordinata all’interesse economico, dove si rispettino i diritti e si contrasti ogni forma di sfruttamento, dove le risorse e i patrimoni pubblici non si consegnino alla speculazione privata, dove la cultura e l’istruzione vengano coltivate ed esaltate e non mortificate e sciupate. Dove insomma si ritrovi il senso di una cittadinanza consapevole, che possa partecipare alla vita politica ed esercitare le proprie libertà.
Ci siamo ritrovati/e in <<Politica in comune>>, per costruire insieme le motivazioni e le modalità di un impegno non scontato, nel pieno di una deriva conformista, di uno sgraziato risucchio populista. Riteniamo prezioso ogni contributo, a partire da noi, in grado di riunire e non disperdere le diverse esperienze politiche e desideriamo consolidare ed allargare la rete di una politica in comune per imprimere un cambiamento democratico nel nostro paese. Un cambiamento sempre più necessario, di fronte all’involuzione politica e culturale che attraversa il mondo, e da cui l’Italia non è immune.
Sentiamo quindi l’esigenza di mettere a disposizione un’occasione d’incontro collettivo, dove poter valorizzare il protagonismo di tanti e tante che hanno partecipato alla battaglia referendaria, chiamando tutti noi a riflettere, discutere, ragionare, progettare il nostro futuro. Al di là dell’esito del referendum riteniamo comunque necessario un confronto politico che raccolga le nostre energie e le nostre intelligenze, per provare a delineare nuovi percorsi da condividere.
Abbiamo contribuito alla battaglia referendaria raccogliendo la disponibilità di centinaia di amministratori locali e di associazioni, movimenti ed esperienze sociali. Con lo stesso sentimento unitario, vi proponiamo di incontrarci l’11 dicembre presso il Roma Meeting Centre, Largo dello Scautismo 1, dalle ore 10 alle 18 in un’assemblea che vorremmo ancora più inclusiva e partecipata. Con la speranza che tutti i nostri No possano trasformarsi in una “politica in comune”.

Giorgio Airaudo, Fabio Alberti, Maria Luisa Boccia, Stefano Fassina, Adriano Labbucci, Giulio Marcon, Sandro Medici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Menu